IL PRIMO MAGGIO NON C’E’ PROPRIO NIENTE DA FESTEGGIARE!

Da Carrara

 

Non è proprio possibile parlare di festa del Primo Maggio. Il primo pensiero degli anarchici è infatti rivolto ai martiri di Chicago dove nel 1886 7 anarchici vennero ingiustamente condannati e successivamente impiccati con l’accusa di aver fatto scoppiare un ordigno durante un comizio di lavoratori. E’ trascorso oltre un secolo e da allora le cose non sono poi cambiate di molto, la repressione e il controllo si sono ancor più inaspriti facilitati dalle nuove tecnologie su chi lotta contro le ingiustizie sociali. Un pensiero particolare è rivolto a tutte le vittime strappate alla vita dalla violenza capitalista per sbarcare il lunario,morti inutili stritolate dall’ingranaggio del capitale.

Le devastanti politiche dei governi passati e non da ultime dell’attuale governo stanno sferrando colpi micidiali su chi tenta con unghie e denti di difendere la propria esistenza e i propri diritti di uman* In men che non si dica ci si può vedere tagliati i servizi primari come luce gas ed altre utenze vitali.Questo significa lasciare interi nuclei familiari con molti bambini abbandonati alle proprie esistenze negando loro un tetto ed ogni dignità di vita. Lo sfruttamento umano è la logica del profitto,tutti contro tutti, è stata creata una vera guerra tra poveri,giorno dopo giorno le nostre vite sono continuamente messe a rischio annullandole come biglietti da obliterare. Nessuno è escluso da questo gioco al massacro, anche chi solo fino a poco tempo fa si sentiva al sicuro delle proprie condizioni economiche e sociali oggi non lo è più tartassato vessato e derubato dal potere delle lobby bancarie. Ormai vivere è un lusso,ogni diritto viene negato,è doveroso prendere atto della situazione e lottare contro chi affama e sfrutta prendendo per la gola col ricatto salariale,il tutto nel nome di una democrazia legittimata col consenso del voto,quella democrazia con la quale i politici sanno solo riempirsi le bocche la quale consente solo di dissentire sulla carta ma poi è subito pronta a brandire il bastone non appena si scende in piazza per rivendicare i propri diritti di umani. La parola d’ordine per il governo è tagliare e reprimere,si taglia sulla sanità,si taglia sul sociale,vengono tagliate le pensioni e i posti di lavoro,ma, al contempo si trovano soldi per costruire opere inutili probabilmente per giustificare e riciclare soldi provenienti da chissà dove, ma non solo,si salvano le banche con i nostri stessi soldi. Anche la sanità sta diventando un lusso, curarsi è impossibile,un piano prestabilito e ben congegnato che volge alla privatizzazione, in altri termini quella ché è una necessità primaria che dovrebbe essere garantita ad ogni essere umano è in realtà riservata solo a pochi privilegiati. Non esistono governi buoni,non ce ne sono mai stati e mai ce ne saranno..Abbiamo tutt* quant* il dovere di ribellarci a questa situazione drastica e di porre fine a questa barbarie riappropriandoci di ogni diritto umano per la costruzione di un mondo nuovo senza sfruttatori e sfruttati contro chi parla di pace e al contempo promuove e finanzia guerre in nome della legge e della democrazia rifiutando la chiamata alle urne che da oltre 70 anni non fa altro che rinnovare gli sfruttatori di turno che si avvicendano al potere. Questo Primo Maggio invitiamo tutt* alla partecipazione e ad una seria riflessione affinché i termini pace amore e libertà possano quanto prima concretizzarsi e poter trovare i loro giusti significati e la loro giusta applicazione.

“Se mille uomini non pagassero le tasse quest’anno, ciò non sarebbe una misura tanto violenta e sanguinaria quanto pagarle e permettere allo Stato di commettere violenza e di versare sangue innocente. Questa è, di fatto, la definizione di una rivoluzione pacifica.”

(Henry David Thoreau)